Crea sito

fotovoltaico

Incentivi Fotovoltaico, esempio di conto energia per fotovoltaico

Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto.

a cura dell'arch. designer bonarrigo

fotovoltaicoSupponiamo di installare sul tetto della nostra graziosa abitazione un impianto fotovoltaico di potenza nominale, ovvero di picco, da 3kw. Sulla base del nuovo decreto "Conto Energia" DM 19/02/07 , l'impianto può essere collegato alla rete elettrica pubblica e benificiare degli incentivi statali.
Un impianto fotovoltaico da 3kW produce in un anno 4.500 kwh/anno se esposto bene al sole (20° verso Sud e ubicato nel centro sud  ). Comunque anche Sud-est e Sud-ovest vanno benissimo , infatti le perdite sono molto contenute (intorno al  5-15%).

Pertanto il nostro impianto fotovoltaico da 3kw produce 4.500 kwh/anno.
Supponendo che questa produzione coincida praticamente con il  nostro fabbisogno di energia elettrica annuale (facilmente deducibile dalle bollette) otteniamo 2 importanti risultati:

1. Tutta l'Energia prodotta  viene PAGATA indipendentemente dai consumi.
A Tutta l'energia prodotta  viene riconosciuto un incentivo per 20 anni con una tariffa che dipende dalla potenza e dal tipo di impianto.
Nel nostro caso (impianto fotovoltaico parzialmente integrato sul tetto da 3kw) la tariffa vale 0,422 Euro a kwh prodotto dall'impianto. Pertanto firmata la convenzione ventennale con il Gestore dei servizi Elettrici (GSE) avremo un ricavo annuale ricevendo dal GSE un,
IMPORTO pari a : 4.500 kwh x 0,422 € = 1.900 Euro/anno. Questo importo viene ripartito nell'anno e  pagato bimestralmente in base a quanto produce l'impianto.

2. Azzeramento dei costi dell'energia elettrica.
Attivando un contratto di "scambio sul posto" con il GSE (Gestore dei Servizi Energetici)  si avrà inoltre il RIMBORSO DELLA BOLLETTA pagata al vostro venditore (Es. Enel Servizio Elettrico) . La bolletta pagata terrà  conto solamente dei prelievi effettuati dalla rete, cioè quando l'impianto fotovoltaico non produce (Ad es. di notte) o produce poco. Per questo motivo il costo della bolletta si riduce comunque. In ogni caso il costo della bolletta  verrà rimborsata dal GSE. 
Il contratto di scambio sul posto si rinnova ogni anno quindi rimane in essere finchè dura l'impianto.
In termini economici tutto si traduce nel fatto che si avrà un notevole risparmio. Infatti se l'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico coincide praticamente con il  nostro fabbisogno di energia elettrica annuale si avrà un
RISPARMIO pari a : 4.500 kwh x 0,20 € /kwh = 900 Euro/anno .
Si consideri che oggi il risparmio è calcolato su un costo medio dell'energia elettrica (tasse incluse) pari a 0,20 € a kWh ma domani l'energia costerà probabilmete molto di più.

architetto designer bonarrigo

In definitiva il nostro RICAVO complessivo annuo è pari a : 900+ 1.900 = 2.800 Euro /anno

fotovoltaico

a cura dell'arch. designer bonarrigo

 

Costi dell'Impianto
 (fotovoltaico)

fotovoltaicoVeniamo a Costi dell'impianto. Premettendo che il costo dipende da diversi fattori, e per avere un costo effettivo occorre richiedere un preventivo, possiamo ipotizzare per il nostro impianto da 3kwp un
COSTO MEDIO pari a: 17.000 Euro chiavi in mano iva inclusa .


Tale impianto occupa al massimo 27 metri quadri del nostro tetto ma a seconda del tipo dei pannelli fotovoltaici può essere inferiore fino ad un minimo di 18mq.
Sulla base di ciò si può facilmente presumere che l'impianto
si AMMORTIZZA in 6- 7 anni al centro-sud.


Al Nord o comunque in situazioni di esposizione non ideali consideranno una produzione leggermente inferiore si può arrivare ad ammortizzare il costo dell'impianto anche in 8-9 anni.fotovoltaico
Per tanto un conto economico dopo i 20 anni risulta essere il seguente:

 

Ricavo dall'incentivo= 1.900 x 20 anni = 38.000 Euro

Risparmio pari a: 900 x 20 = 18.000 Euro 
(Supponendo che il Gestore locale continui ad applicare 0,20 Euro a kwh...Se la aumenteranno ed il risparmio sarà più alto.)

 


 

Tariffe degli incentivi
 (fotovoltaico)

fotovoltaicoOvviamente noi con questo esempio ci siamo messi in una situazione pressochè ideale ma comunque sia il vantaggio anche in altre situazioni non può che essere più che positivo.

Il Decreto fissa 9 tariffe a seconda del tipo di impianto e della potenza che sono valide per tutti gli impianti che entreranno in esercizio entro il  31/12/2010. Dato che il tempo passa velelocemente, chi è interessato e meglio che decida prima possibile se intende realizzare l'impianto. Infatti dopo il 2008 le tariffe incentivanti scenderanno del 2%.

Di seguito una tabella riassuntiva di costi e ricavi con il nuovo Conto Energia 2007 ipotizzando impianti domestici da 2, 3 e 4 kWp parzialmente integrati (caso più frequente):

conto energia

 
Stime di massima basate su valori medi. Ad esempio il costo dell'impianto potrebbe avere una oscillazione del 15% cosi come la produzione annuale dell'impianto può differire anche del 15% se ci sono ostacoli o se l'impianto non è esposto a sud.fotovoltaico
Anche la tariffa Enel o di altro venditore  può cambiare da utente a utente per cui i 0,19 Euro rappresentano un valore di riferimento medio. Il rientro in anni è stato valutato a moneta costante.
Nei calcoli si è fatta l'ipotesi che tutta l'energia prodotta coincida con quella consumata in un anno. (questa è la condizione ottimale del rientro dell'investimento).
.....................................................................................
........................................

fotovoltaico

www.bonarrigo.altervista.org

a cura dell'arch. designer bonarrigo

Bookmark and Share

 


       Home Us | About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | © 2014 Designer Bonarrigo, architetto

http://www.bonarrigo.altervista.org/SUCCESSIONI/news3.gif

© f o t o v o l t a i c o i t a l y